mercoledì, gennaio 31, 2007

L'Amore non può essere solo rose e fiori.


Questo post è per Cri. Non nel senso che gli sto dedicando la poesia sottostante (anche se lo sai che ti amooooooo ;) , ma nel senso che questa è la mia risposta definitiva all'argomento di cui abbiamo tanto parlato. Non voglio certo farti cambiare idea, anche se lo scopo di ogni comunicazione, che uno lo voglia o no, è proprio questo ovvero fare che gli altri la pensino come te. Voglio solo che ti chiarisca definitivamente il mio pensiero. Ovviamente di usare parole mie non se ne parla, perché non ne ho molte in questo periodo. (a proposito, mi scuso con chi viene a leggere questo blog, in un mese ho fatto solo 9 post e nonostante tutto ci sono più di 600 visite.)
Perciò mi faccio aiutare...

Io ti amo
e se non ti basta
ruberò le stelle al cielo
per farne ghirlanda
e il cielo vuoto
non si lamenterà di ciò che ha perso
che la tua bellezza sola
riempirà l'universo

Io ti amo
e se non ti basta
vuoterò il mare
e tutte le perle verrò a portare
davanti a te
e il mare non piangerà
di questo sgarbo
che onde a mille, e sirene
non hanno l'incanto
di un tuo solo sguardo

Io ti amo
e se non ti basta
solleverò i vulcani
e il loro fuoco metterò
nelle tue mani, e sarà ghiaccio
per il bruciare delle mie passioni

Io ti amo
e se non ti basta
anche le nuvole catturerò
e te le porterò domate
e su te piover dovranno
quando d'estate non dormi
E se non ti basta
perché il tempo si fermi
fermerò i pianeti in volo
e se non ti basta
vaffanculo


Stefano Benni

venerdì, gennaio 26, 2007

Piccolo sondaggio




Volevo fare anche io un piccolo sondaggio...
Vorrei avere da voi una sorta di indice di gradimento sulla musica del mio blog. Se vi piace ascoltarla o se voleste che non ci fosse. Non vi sto chiedendo se voi la mettereste nel vostro blog o no, ne perché. Solo se vi piace o se vi da fastidio. La risposta la gradirei soprattutto dalla dozzina più o meno di lettori abituali, ma anche se qualcun altro capita sul blog e vuole esprimersi, va bene. Siate sinceri. Ci tengo. Chi si è già espresso al riguardo può astenersi. Idem per chi visita il mio blog con Firefox che tanto la musica non la sente.

martedì, gennaio 23, 2007

Like you



Tante cose mi sono state dette ultimamente. Tante nascoste. Tante dette alle spalle, ma facendo in modo che io le sentissi. Mi è stato consigliato di ascoltare talora una, talora un'altra voce. Una voce le sovrasta tutte. Amy Lee.
Parole che risuonano continuamente perché le altre non le voglio sentire.

Stay low
soft, dark, and dreamless
far beneath my nightmares and loneliness
I hate me
for breathing without you
I don't want to feel anymore for you

Resta in basso
Soffice, cupa, e senza sogni
Lontano, sotto i miei incubi e la mia solitudine
Mi odio
Perché respiro senza te
Non voglio più provare niente per te



domenica, gennaio 21, 2007

Tutte le cose belle sono destinate a finire


Persino la giornata più bella è destinata a finire. A volte con un tramonto altrettanto straordinario, ma finisce. Così è per tutto quanto, tutte le cose belle sono destinate ad arrivare ad una fine. Noi restiamo li a chiederci come è possibile che accada, come può succedere che una cosa così bella debba finire...vorremmo che restasse, la rincorriamo, cerchiamo invano di ricreare le situazioni che hanno portato al realizzarsi di quella cosa. Ma non c'è niente da fare. Un crudele scherzo del destino vuole che sia così. Una volta finita, non torna più. Illudersi che non sia così serve solo ad aggiungere altro dolore. Dispiace, dispiace tanto dover perdere alcune cose restando inermi, senza davvero poter fare nulla che lo impedisca.
Ma a volte bisogna arrendersi all'evidenza che non tutto può essere salvato. Non tutto è destinato a durare. Non tutte le amicizie devono essere salvate per forza. Gli amori finiscono ed è stupido rincorrerli solo per il ricordo di quello che è stato e che non potrà mai più essere. Ci sono cose che nella nostra vita non possiamo controllare purtroppo, per il semplice fatto che non dipendono solo da noi. Solo il tempo ci dirà se finalmente un altra occasione ci verrà concessa. Non la stessa giornata che rinizia da capo, ma una nuova splendida giornata che sorgerà. Non resta che togliere lo sguardo triste dal tramonto e guardare con ottimismo verso oriente.

domenica, gennaio 14, 2007

Match Point


"...a volte in una partita la palla colpisce il nastro e per un attimo può andare oltre...o tornare indietro. Con un po' di fortuna va oltre e allora si vince. Oppure no. E allora si perde."

"Preparati a pagare il prezzo Cris, le tue azioni sono state maldestre, piene di buchi, come quelle di qualcuno che implori di essere scoperto."
"Sarebbe appropriato se io venissi preso…e punito. Almeno ci sarebbe un qualche piccolo segno di giustizia, una qualche piccola quantità di speranza di un possibile significato."

Forse bisognerebbe smettere di pensare alla vita in termini di giusto o sbagliato, oppure bene o male.
Sarebbe più facile. Fortuna o sfortuna. Dentro o fuori. Stronzo oppure no.
Così gira il mondo.
Infatti a me la pallina torna sempre indietro.

sabato, gennaio 13, 2007

Non si spezza



Sembra proprio che questa catena non mi sia riuscito di spezzarla. Solitamente ce la faccio, con tutte quelle che mi capitano a tiro. Questa no, ho deciso di lasciarla intatta.
E' una catena-blogger che arriva direttamente dalle mani di GG e dato che non promette nulla a chi la manda avanti, tipo sesso/amore/felicità, ne a chi la spezza, tipo castità/odio/tristezza, mi rimetto alla volontà della catena.

Sembra che io debba prendere il primo libro che ho sottomano, andare a pagina 123, saltare le prime cinque righe e trascrivere le successive tre. Il primo libro che ho sottomano è Il Piccolo Principe di Antoine de Saint Exupéry che è rimasto sulla mia scrivania dall'ultimo post. Anche volendo dedicargli un altro post, non posso perché, che ci crediate o no, arriva esattamente a pagina 122. Allora lo ripongo nella libreria e prendo quello che gli sta accanto.
Jack Frusciante è uscito dal gruppo di Enrico Brizzi:

"Anche quel giudice assassinato era un uomo che aveva tentato di uscire dal gruppo - riflettava rabbioso e in gabbia il vecchio Alex - uno a cui non andavano bene le prepotenze e l'arbitrio dei forti..."

Ora non mi rimane che passare la catena ad altri 5 blogger:
-Saso
-Ape
-Chilly
-Betta (sempre che legga ancora questo blog...eh eh!)
-Cri...se gli aregge...

martedì, gennaio 09, 2007

Confetti al cioccolato



Che poi se uno ci pensa sembrerebbe così ovvio e invece non lo è. Magari è proprio quello che alla fine da tanto fastidio. Quante volte l’ho chiesto a mia madre…”Mamma perché tutti nelle bomboniere mettono i confetti alle mandorle e non quelli al cioccolato, che sono più buoni?”. E mi arrabbiavo pure, perché nessuno la pensava come me. Da che mondo è mondo le bomboniere si fanno con i confetti alle mandorle. Il cioccolato non è fine…sarebbe come servire il pollo arrosto al pranzo del matrimonio, ma scherziamo? Che poi se chiedi, molti di quelli che hanno oltrepassato una certa età ti diranno che preferiscono sinceramente i confetti alle mandorle. Davvero, insistono anche nel cercare di convincerti che sono più buoni.
Arrivati a quel punto io li guardo, con un sorriso quasi di compassione…e mi chiedo da quanto hanno smesso di guardare alla vita con entusiasmo. Da quanto tempo credono di possedere quel che hanno quando invece ne possiedono solo l’ombra. Da quanto tempo hanno dimenticato di essere stati bambini.
“ Tutti i grandi sono stati bambini una volta, ma pochi di essi se ne ricordano”.

“Addio” disse la volpe “Ecco il mio segreto.E’ molto semplice, non si vede bene che col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi. Gli uomini hanno dimenticato questa verità…”

giovedì, gennaio 04, 2007

Il lupo non è cattivo



Il lupo non è cattivo. Il lupo è un animale come tanti altri, che vive la sua vita. Vive nel suo branco ed è felice con i suoi compagni. Non necessariamente è aggressivo verso i membri esterni al suo branco. A meno che non gli sia dato modo di essere diffidente. Se ti avvicini con una fiaccola e lo bruci, il lupo non dimentica. L'esperienza gli rimane ben fissa nella mente e una zona del suo corpo rimarrà per sempre senza pelo. Magari ti perdona pure, perché in realtà il lupo è buono. Ma nonostante sia molto forte coraggioso e audace, anche il lupo ha paura. Paura che se ti avvicini troppo potresti di nuovo scottarlo. Allora se tu provi ad avvicinarti in un certo modo, lui ricorda cosa era successo l'ultima volta. Comincia ad indietreggiare, a frapporre qualche piccola distanza, senza fare troppo rumore, senza mostrare i denti. Si incappa pure un pochetto, tende ad isolarsi. Allora dovresti capire che non è conveniente andare oltre, che avvicinarti in quel modo è pericoloso. Per te certo. Ma per il lupo anche.
E comunque se insisti, allora si, allora il lupo diventa cattivo. Inizia a mostrare i denti e a ringhiare. Perché il lupo presagisce il pericolo e quando lo fa, presagisce sempre il peggio possibile. E fa bene perché il peggio è subdolo, sembra così assurdo e impossibile...e invece è lì annidato, pronto a saltarti addosso quando meno te lo aspetti.
Ma il lupo lo freghi la prima volta. La seconda ti aspetta a bocca aperta, i denti bianchi e affilati.
Se ci vuoi per forza mettere la mano, sono cazzi tuoi.